Rapporto sulla quinta ricognizione UfoCiclistica [05/04/2017] – passaggio della cometa 41P/T-G-K

5.jpg

41p_2.jpg

La quinta ricognizione UfoCiclistica è stata ispirata dal passaggio della cometa periodica 41P/Tuttle-Giacobini-Kresák condotta per mano da Giove con cui condivide l’afelio.
Il percorso scelto costeggia, lungo un tortuoso misto ciclabile/strada, la già nota ley-line ricalcata dalla via Cristoforo Colombo.
La ciclabile (tra l’altro molto bella) inizia da Lungotervere Ponte Garibaldi e termina non sappiamo bene dove anche se alcuni ciclisti hanno segnalato il modo di giungere, per questa via, fino a Fiumicino.
La ricognizione UfoCiclista ha intercettato la ciclabile all’altezza di Ponte Marconi riuscendo a percorrerla di notte (nel punto subito dopo il viadotto della Magliana) grazie all’esperienza di due componenti della squadra.
Dal punto di partenza di via Magnagrecia fino a circa il punto di “benvenuto esoplanetario” (dove è stato consumato il banchetto a base di humus di ceci) e di osservazione i ricognitori hanno percorso circa 14 chilometri come è visibile nel tracciato sottostante (qui per la mappa interattiva).

mappa quinta_pic.jpg

Il punto d’incontro della metro San Giovanni da tempo piattaforma girevole per l’inizio delle ricognizioni UfoCiclistiche.
Piazzale Appio (visibile alle spalle dell’ufociclista in alta uniforme) è abbastanza ampio da mostrare un’interessante porzione cielo (purtroppo completamente oscurato dalle luminarie in abbondanza) in grado d’ispirare la partenza di percorsi psicogeografici randomici.

u1

Da tempo segnalata dall’Associazione Psicogeografica Romana la ley-line della Cristoforo Colombo è stata in passato lo scenario di moltissimi avvistamenti UFO (IR1).
Gli ultimi di una certa rilevanza fenomenica risalgono al 2013 e al 2014.
I cannocchiali rivolti verso il cielo hanno quindi tentato di catturare il passaggio tanto della cometa di colore verde in un punto approssimativo tra l’orsa maggiore e quella minore che di possibili aeronavi aliene che però non si sono manifestate.
Lo stesso vale per la cometa che nonostante i tentativi d’intercettazione non si è resa visibile.
Anche nel punto di massima oscurità pervenuto lungo il cammino, l’inquinamento elettromegnatico proveniente dal centro cittadino ha reso difficili i tentativi di skywatching e di rilevamento.

u2.jpg

fuoripista11.jpg

Nel punto ciclabile subito dopo l’attraversamento del viadotto della Magliana (illustrato in foto) c’e’ una strettissima curva a gomito in discesa rispetto al punto d’accesso. La traiettoria in nero è quella seguita dai ricognitori mentre l’eroica deviazione in rosso (all’altezza dei cantieri navali Barracuda!!!) è quella distrattamente intrapresa da una ufociclista non accortasi della cuspide e capitolata, fortunatamente, sulla terra ferma (poco più avanti, infatti, si dispiega il Tevere in tutta la sua melmosità).
Attenzione quindi.

u3.jpg

Prima di giungere al punto per il banchetto esoplanetario i ricognitori hanno erroneamente incrociato la pericolosissima via Del mare nel punto in cui via del Cappellaccio vi finisce bruscamente e senza preavviso.
In notturna tutta la ciclabile è mal segnalata e le varie diramazioni sono foriere di interpretazioni errate.
Si consiglia in caso d’esplorazione notturna di dotarsi d’illuminazione (oltre quella della mera segnalazione sufficiente nei percorsi cittadini illuminati) e di tracciamento satellitare.
In caso di ampio gruppo ciclistico come sempre (e in questo caso la raccomandazione è ancor più necessaria) si consiglia di procedere con un ciclista di testa e uno di coda in collegamento radio tra loro.

u4.jpg

Il banchetto esoplanetario (in assenza di visitatori alieni) è stato consumato in un punto non meglio precisato della ciclabile uditivamente molto vicino al fiume Tevere.
L’altissima umidità presente è stata combattuta grazie ad un grande telo isolante fornito da un ufociclista.
A farne le spese l’obbiettivo della fatocamera reso momentaneamente opaco.

Piuttosto tardivamente la squadra si è rimessa in moto per raggiungere il punto di partenza presso la metro San Giovanni a cui è giunta con un ritardo di circa trenta minuti rispetto all’orario previsto per il rientro.

u5.jpg

Dal punto di vista alienologico nulla da segnalare se non la presenza percepita di scoiattoli ostili nelle vicinanze ma che la squadra ha prontamente imbonito con l’offerta rituale di pane.

Print

Dal punto di vista prettamente psicogeografico segnaliamo la possibile esistenza di due leyline aventi origine comune a partire dalla Piramide Cestia.
Le due leyline si sviluppano su Viale Ostiense e su Viale Marco Polo. L’area segnata in verde la possiamo definire come area d’influenza da parte delle due leyline e sarà presto materia d’indagine da parte degli UfoCiclisti.

Per il momento è tutto.
Ci vediamo nel futuro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...